Lista realizzazioni SICAPWeb

Realizzazioni trovate: 35
Anno:
2018
L’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini possiede, e mette a disposizione degli studiosi, una ricchissima fototeca comprendente circa 730.000 fotografie.
Circa la metà di queste è incollata su schede cartacee liberamente accessibili attraverso appositi moduli di consultazione a cassetti. L’importanza della fototeca risiede soprattutto nell’estesa documentazione sull’arte veneta: un’ampia sezione topografica è dedicata al Veneto e a Venezia, mentre si segnalano egualmente le sezioni dedicate alle altre regioni d’Italia e ai musei stranieri, nonché alle opere d’arte conservate in collezioni private italiane ed estere.

Dal 1981 l’Istituto di Storia dell’Arte custodisce inoltre la Fototeca Regionale, comprendente oltre 43.000 riproduzioni di opere d’arte conservate nei musei del Veneto. Postazioni dedicate consentono di ricercare negli inventari dei fondi fotografici e di accedere al catalogo online, attraverso il quale è possibile consultare sia i materiali afferenti le raccolte sia le fotografie digitali frutto delle più recenti campagne fotografiche condotte dall’Istituto di Storia dell’Arte. Le attività di ricerca e catalogazione scientifica dell’Istituto hanno dato luogo, infine, alla costituzione di una serie di Atlanti fotografici, veri e propri cataloghi di fotografie ed opere d’arte consultabili online.

Software: SICAPWeb - Aggiornamento del layout grafico:  2018

La web-grafica del progetto è stata aggiornata al rinnovato layout del sito web della fototeca. Le ricerche consentono diverse opzioni di visualizzazione delle liste ottenute come risposta dlle query di interrogazione sulle schede.

Responsive Design
Sono possibili visualizzazioni tra i collegamentio tra schede e la consultazione è possibile anche da dispositivi mobili quali tablet e smartphone secondo un modello di Responsive Design adattivo per i diversi dispositivi.



Anno:
2018

Progetto AlbumdiRoma  - Fotografie Private del Novecento.

Sistema Informativo Catalogazione di Partecipata delle Fotografie - Comune di Roma
L'Album di Roma si rinnova!
Una nuova piattaforma innovativa e consultabile da dispositivi mobili

Nuovo sito web dell'Album di Roma

Il gruppo di redazione del progetto Album di Roma non smette di stupirci proponendo una veste grafica completamente rivista. Con questo progetto di completo restyling grafico e comunicativo, l'Album di Roma propone nuove soluzioni di comunicazione con cui racconta per immagini la storia della capitale attraverso la vita delle persone e il racconto dei luoghi.

Novità sui contenuti

La nuova versione dell'Album di Roma ora affianca ai precedenti Percorsi visivi tra le immagini nuovi contenuti come le Microstorie e i Progetti.
Attraverso le Microstorie affiorano i particolari della memoria della città: immagini e testimonianze di curiosi momenti del passato si intrecciano in un più ampio tessuto narrativo, legato a testimonianze, storie di vita, lettere, memorie, scritture a stampa, interviste e materiali autobiografici.
Con i Progetti di ricerca della memoria fotografica della città svolti dalle Biblioteche di Roma si sono prodotte alcune collezioni speciali relative alla storia urbanistica e sociale di particolari quartieri o rioni. E' stata introdotta anche la georeferenziazione delle fotografie e i legami tra immagini attraverso le mappe.

Anno:
2018
Portale culturale INAF
www.beniculturali.inaf.it

Progetto di Restylig grafico e funzionale del portale web che ora risulta consultabile nel rispetto del Responsive Design per la navigazione nelle pagine e negli archivi da dispositivi mobili quali tablet e smartphone.

Il patrimonio storico-scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica è costituito da libri, carte d’archivio e strumenti che testimoniano lo sviluppo dell’astronomia in Italia dalle osservazioni pre-galileiane ad oggi.

Tutti questi oggetti rappresentano una delle collezioni più preziose nel campo della storia della scienza. Sono infatti la testimonianza dell’attività di ricerca astronomica che si è svolta in Italia nei secoli scorsi, dei risultati scientifici raggiunti, e del contributo dato dagli astronomi italiani allo sviluppo e al progresso dell’astronomia.

TECA DIGITALE

 

Anno:
2017
Giovanni Napoleone Pellis: I disegni  - Società Filologica Friulana.


Fondo Giovanni Napoleone Pellis

Oltre cento disegni, conservati in collezione privata, sono stati catalogati e resi fruibili on-line sui siti web della Società Filologica Friulana, della Fondazione Friuli, del Comune di Fagagna, Enti che hanno condiviso e sostenuto il progetto. 

Catalogazione del fondo fotografico: Standard ICCD - Scheda OA-D.
Software utilizzati:  SICAPWeb e EasyNETcms


Anno:
2017

Archivio Fotografico su Server del Cliente - Mediateca del Centro Missionario PIME - Milano

Progetto di Upgrade tecnologico del software SICAPWeb con adeguamento grafico delle pagine di consultazione al pubblico in conformità alla grafica web del sito istituzionale.

Integrazione con sw BIBLIOWin5.0Web e il meta-motore di ricerca  MeataSEARCH WS


Anno:
2016
Cliente:
ANBI VENETO
TerreEvolute

E' questo il nome scelto per il progetto scientifico realizzato dal Laboratorio di storia orale del Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova, sotto la responsabilità scientifica della prof.ssa Elisabetta Novello, con il cofinanziamento dei Consorzi di bonifica Bacchiglione e Adige Euganeo e della Fondazione Cariparo.
Si tratta di un progetto pilota iniziato dagli archivi storici dei Consorzi di bonifica Bacchiglione e Adige Euganeo.

La tecnologia di gestione del progetto web e di gestione delle schede informative utilizza il sw SICAPWeb for Archives e SICAPWeb (Schede A, F e schede Intervista e cartografia)
Il sito risulta appositamente progettato per consentirne l'accesso anche da dispositivi mobili (tablet e smatphone).
Anno:
2017

Museo della Cattedrale - Capitolo della cattedrale di Ferrara
Comune di Ferrara

Realizzato con tecnologia: SICAPWeb

Per la catalogazione delle opere è stato utilizzato il sw SICAPWeb,secondo le regole dettate dallo standard ICCD.




La grafica web di consultazione al pubblico risulta personalizzata in coerenza rispetto al sito web istituzionale.
L'interfaccia di ricerca risulta adattiva rispetto alla consultazione da dispositivi mobili quali smatphone e tablet.